Archivi categoria: Consigli

Fare soldi online con il Trading online, il Forex Trading, il Trading CFD, le Criptomonete e tanti altri consigli

Guida specializzata su consigli per guadagnare soldi online, fare soldi attraverso il Trading online è la moda del momento, ma fate molta attenzione, il sistema funziona ma dipende da voi, dalle vostre capacità, dalla vostra voglia di arrivare, di studiare e assimilare più informazioni utili possibili per poter operare senza andare incontro a una fregatura.

Attraverso i nostri consigli hai la possibilità di formare le basi del trading online, Primo consiglio operare solamente con Piattaforme di trading online Regolamentate, per una lista completa clicca qui.

Fare trading online significa operare nei mercati globali su uno specifica risorsa o Asset, come una materia prima (Oro, Petrolio, Argento ecc …), un Valuta (Euro/Dollaro Forex trading sulle coppie di valute), un Azione (Operare sul trading azioni, come Azioni Amazon, Azioni Tesla, Azioni Pfizer, ecc …) e ultimamente una Criptovaluta (Bitcoin, Ethereum, Binance Coin, ecc …), attraverso una piattaforma di trading offerta da un Broker di trading online, qui veniamo al primo consiglio, il web è pieno di lamentele su utenti truffati, e l’errore degli utenti è stato quello di non registrarsi su un broker regolamentato e sicuro, inutile lamentarsi, aprireste voi un conto in banca con un istituto non ufficiale e regolamentato? Quindi la prima cosa da fare è quella aprire un conto demo (clicca qui) su una delle piattaforme di trading online Regolamentate e sicure.

Oltre a utili consigli su come guadagnare online seriamente, il nostro Blog è anche una utilissima risorsa di link a siti web dove troverete le forme di guadagno e investimento online più utilizzate dagli utenti esperti e principianti:

Millionaireweb.it, La guida più seguita in Italia

Investire e guadagnare online attraverso consigli e opinioni di esperti su le opzioni binarie, il forex trading, le criptovalute. Guadagnare con un Blog, attraverso i social network, il web marketing e tanto altro.
www.millionaireweb.it

Tradingmania.it, Il Trading online per Principianti

Tradingmania.it da anni è un punto di riferimento per tutti coloro che si cimentano nel trading online. Sia neofiti che esperti scelgono questo portale per restare aggiornati su tutte le news che riguardano il mercato finanziario a livello mondiale.
www.tradingmania.it

Ilforextrading.it, Il mondo delle Valute

Il forex trading spiegato semplicemente da esperti trader, consigli, strategie, analisi tecnica e strumenti utili per operare con consapevolezza. Recensioni dei migliori broker Forex trading.
www.ilforextrading.it

Piccoli accorgimenti per Investire in Criptovalute

Volete sapere come investire in Criptovalute? Se avete fatto questa ricerca sicuramente si!

Le criptovalute in questo preciso momento storico sono molto conosciute, sono milioni i traders e gli investitori che hanno deciso di dirigersi verso questo settore.

Per investire nelle criptovalute ci sono due possibilità, la prima si chiama investimento indiretto e la seconda si chiama investimento diretto.

Di seguito vi spiegheremo in modo dettagliato cosa si intende per investimento diretto ed indiretto, nonché quali sono le criptovalute più interessanti su cui investire in questa primavera del 2021.

Intanto clicca su questo link per accedere alla migliore guida su come investire in criptovalute presente online.

Perché scegliere le Criptovalute come investimento

Le criptovalute sono diventate molto amate, sia per la loro decentralizzazione, il non essere controllabili, nonché per l’espansione che stanno vivendo.

Ebbene sì, nell’ultimo anno forse a fronte della pandemia sono stati moltissimi i traders che hanno scelto di investire nelle criptovalute, dal Bitcoin al Cardano per fronteggiare la crisi dettata dal COVID-19.

Le criptovalute anche se non hanno una reale corso, sono oramai utilizzabili per comprare servizi e altro, Infatti anche i maggiori istituti di credito hanno deciso di puntare su queste “particolari” monete, come poi ha già fatto PayPal e Hype.

La scelta di investire nelle criptovalute è di per sé interessante, ma è necessario farlo in modo appropriato e consapevole.

Per ottemperare all’investimento è necessario avere ben chiara la differenza tra investimento diretto ed indiretto.

Cosa vuol dire investimento Diretto e Indiretto

Avete sentito parlare di investimento diretto ed indiretto? Se non sapete di cosa si tratta, ma volete investire in criptovalute allora è il momento di approfondire.

Cos’è l’investimento Diretto

Per investimento Diretto si intende quando una persona decide di comprare le criptovalute. Per comprare le Crypto, che sia il Bitcoin o le altre è necessario iscriversi ad un exchange che vi permetta di comprare la criptovaluta e diventarne possessori.

Come per ogni investimento ci sono dei pro e dei contro.

  • I Pro dell’investimento diretto: I punti a favore di questo investimento sono interessanti, acquistando la criptovaluta potrete venderla o scambiarla nel momento che ritenete piu opportuno. Inoltre è possibile, solo in alcuni casi acquistare dei beni con essa.
  • I Contro dell’investimento diretto: I contro che si riscontrano investendo sulle criptovalute in modo diretto è che ci si espone maggiormente alla volatilità dei mercati.

Inoltre se non si è molto esperti è possibile non essere in grado di scambiare e vendere al momento opportuno la criptovaluta, così da perdere somme importanti.

Ma non è tutto perché per comprare le criptovalute in modo diretto è necessario appoggiarsi ad un exchange, che molte volte non sono totalmente sicuri.

Cos’è l’investimento Indiretto

Per investimento indiretto si intende quando un traders specula sulle criptovalute tramite i brokers di CFD.

Questo sistema è differente dal diretto, in quanto non andrete ad acquistare la criptovaluta in forma “reale” ma utilizzerete i CFD per speculare sulle variazioni di prezzo della stessa. Per fare ciò è necessario iscriversi ad una piattaforma di trading online chiamata broker, il nostro team ha provato il broker eToro tramite il conto demo gratuito.

  • I Pro dell’investimento Indiretto: Vediamo come il trader sia più tutelato dalla variazione di mercato, inoltre i brokers di trading CFD sono molto più seri e garantiscono una maggiore sicurezza.
  • I Contro dell’investimento Indiretto: Se volete detenere una criptovaluta, allora questo investimento non fa al caso vostro, ma per tutto il resto non possiamo riscontrare contro all’investimento Indiretto.

Vediamo ora come si possa fare Trading CFD sulle criptovalute.

Come fare Trading CFD sulle criptovalute

Per fare trading CFD sulle criptovalute è necessario registrarsi ad un broker di trading, vediamo ora quali sono le caratteristiche che il broker deve avere.

Le caratteristiche di un broker di trading online:

  • Serietà;
  • Possibilità di accedere tramite il Conto Demo gratuito;
  • La piattaforma deve essere regolamentata dalla CySEC e dalla CONSOB;
  • Vasta gamma di Criptovalute disponibili;
  • Tassi e commissioni vantaggiose;
  • Una sezione formazione completa.

Certamente oltre a queste caratteristiche un broker deve offrirvi una piattaforma semplice da utilizzare.

In questo modo farete un investimento indiretto.

Perché scegliere un Exchange?

La scelta di fare un investimento diretto con un exchange è riconducibile al fatto che il traders voglia comprare e possedere la criptovaluta.

Con gli exchanges avete la possibilità di comprare migliaia di criptovalute, sia conosciute che non.

Perché non scegliere un Exchanges?

Certamente gli exchanges, anche i più conosciuti e famosi non hanno tutte le certificazioni che invece hanno i brokers di trading online.

Gli exchanges sono stati pensati per essere utilizzati da professionisti del settore, e di per sé le piattaforme non sono semplicissime.

Avete molto tempo da dedicare alla compravendita delle criptovaluta?

Se la risposta è no, va da sé che gli exchanges non fanno per voi.

Le migliori criptovalute su cui investire

Di criptovalute ce ne sono moltissime oltre 8000, ed ogni giorno ne vengono sviluppate di nuove, alcune avranno di certo una fama maggiore e altre invece rimarranno di nicchia.

Le criptovalute più conosciute sono senz’altro quelle più contese e che hanno un valore maggiore, ma non per questo è il miglior investimento.

Pensate al Bitcoin, tutti lo vogliono, anche per ragioni interessati, ma dalla grande richiesta il suo valore è cresciuto a dismisura.

Invece ci sono le criptovalute minori che non hanno un valore così importante, ma che sono ottimi investimenti nel lungo termine.

Quali sono le criptovalute su cui vale la pena investire?

  • Dash;
  • Zcash;
  • Dogecoin;
  • Cardano;
  • Stellar;
  • IOTA.

Sono criptovalute di nicchia, alcune forse più conosciute e altre realmente sono per gli estimatori.

Prima di iscrivervi ad un broker di trading online verificate che abbia la criptovaluta su cui volete investire.

Ad esempio il broker eToro ha le seguenti criptovalute:

  • Bitcoin;
  • ADA;
  • IOTA;
  • Stellar;
  • Binance Coin.

Oltre a queste ne potrete trovate molte altre. Segui la pagina di Millionaireweb sulle migliori Criptovalute su cui investire.

Con le criptovalute minori potrete divertirvi ed iniziare a comprendere come aprire e chiudere le posizioni di trading senza dover investire cifre esose.

Per concludere possiamo suggerirvi di iniziare con il conto demo gratuito, sono molti i broker che offrono questo sistema, pensato e sviluppato per instradare i trader al mercato della borsa.

Come guadagnare online con un e-commerce di libri

Guadagnare online è ormai una realtà, sono molti i settori dove è possibile utilizzare l’online per avviare la propria attività.

Ora soffermiamoci sul come guadagnare online con un e-commerce di libri.

Di certo il più grande rivenditori di libri online è Amazon, questo è fuori discussione, ma non vuol dire che non potrete avviare il vostro e-commerce e mettere online la vostra libreria.

Sono molte le piccole librerie che risentono dei Colossi della vendita online e si trovano sempre più in difficoltà, per ovviare a questa situazione poco piacevole è opportuno attivarsi e mettersi nella rete, cambiare volto alla propria attività.

Ci sono molti modi per migliorare il proprio standard ed attirare un nuovo target di pubblico, prima di addentrarci su questo aspetto vediamo come sviluppare una strategia di marketing.

Strategie di marketing

Il marketing è alla base di qualsiasi vendita online e non solo, per capire dove andare a posizionare l’e-commerce è necessario far attente valutazioni, come le seguenti:

  • Analizzare il mercato dove si andrà ad inserire l’e-commerce, per analisi di mercato si intendono i competitor;
  • Valutare e stabilire un posizionamento della marca, questo serve per poter diversificare dagli altri;
  • Sviluppare un Funnel di marketing multi canale;
  • Strutturare le campagne di marketing con degli obbiettivi bene stabiliti;
  • Definire come gestire le varie situazioni di logistica;
  • Impostare metodi di pagamento;
  • Stabile le regole del customer care, mail marketing, pagamenti, rimborsi, reclami.

Come sviluppare un e-commerce

Per poter vendere online è necessario avere un e-commerce, ci sono vari modi per la realizzazione, il primo e di sicuro il migliore è quello di recarsi in un’agenzia web, dove insieme al grafico e al programmatore potrete realizzare l’e-commerce.

Di certo questa pratica ha dei costi abbastanza importanti, se non disponete di una cifra tale per avviare la vostra attività online, esistono molti generatori di e-commerce che vi offrono dei template gradevoli e abbonamenti mensili o annuali.

Queste piattaforme danno la possibilità di sviluppare un e-commerce senza basi di programmazione, ma vi forniranno loro tutto il necessario, ora vediamo quante tipologie di e-commerce esistono.

  • Sistemi open source: Sono piattaforme con licenza GNU, e sono caratterizzati da un codice sorgente libero e modificabile in tutte le sue parti;
  • Piattaforme in affitto: In questo modo potrete ottenere un  e-commerce in affitto, pagando un abbonamento mensile o annuale, di solito sono compresi dei pacchetti sia definiti che modificabili;
  • Sito web proprietario: Con questo termine si intende il sito sviluppato dall’agenzia web;
  • E-commerce verticali: In questo caso i vostri libri saranno inseriti in un e-commerce specializzato nel settore;
  • E-commerce orizzontali: In questi ci sono vari prodotti, non di un solo genere ma di molti.

Prima di cominciare è necessario capire in quale tipologia di e-commerce volete inserirvi, e di conseguenza ricercare oppure farsene sviluppare uno.

Fondamentale per la riuscita della vostra impresa è un buon posizionamento SEO, l’utilizzo associato dei Social e della Mail marketing, non che un buon piano di media marketing.

Come creare un catalogo online

Per prima cosa è necessario capire come poter creare un catalogo online, questi sono i passaggi:

  • Scegliete i prodotti che volete mettere sulla rete, per fare questo basati sia sulle vendite effettuate in libreria, che dalle classifiche, ma se invece volete lavora con un nicchia di settore bene precisa allora concentratevi su di essa;
  • Fotografate le copertine dei libri scelti e inserite una recensione, dati di pubblicazione, casa editrice e qualsiasi cosa che possa aiutare il cliente nella scelta;
  • Ogni prodotto deve essere associato ad un codice identificativo, che servirà per le spedizioni.

Dopo avere sviluppato il catalogo, momentaneo, questo perché dovrà essere aggiornato di continuo, è il momento di valutare i metodi di pagamento.

I metodi di pagamento e consegna

Sia che vi facciate realizzare un sito proprietario oppure vi appoggiate ad un generatore di e-commerce ecc. è molto importante che offriate i metodi di pagamento più sicuri e più svariati, aggiungetevi anche il contrassegno alla consegna.

Dopo che il cliente ha acquistato da voi non è certo finita, anzi è lì che entra in gioco la professionalità che vi farà accreditare i clienti, la consegna.

La consegna deve essere veloce e precisa, il pacco deve arrivare intatto, per fare questo affidatevi ad ottime aziende di distribuzione.

Conclusioni

Per aprire un e commerce è necessario essere un team, non si potrà fare tutto da soli, dato che il lavoro è molto e continuo.

Oltre a questi fattori è importante valutare gli aspetti economici e legali, come aprire una partita IVA.

Per attivare un’attività online è necessario capire che non sarà un passatempo, oppure un lavoro che lo si potrà svolgere di tanto in tanto, ma è necessario darsi degli orari ben definiti per non fallire nella realizzazione delle e-commerce.

Il Coronavirus e lo Smart Working

In Italia lo Smart Working fino al 21 febbraio non era molto praticato dalle aziende. Ma purtroppo l’arrivo del coronavirus nel nostro Paese ci ha portati a uno stato di emergenza e di conseguenza sono state prese diverse misure di sicurezza.

Tra le disposizioni c’è quella di ridurre al minimo gli spostamenti per evitare il più possibile i contagi cercando allo stesso tempo di portare avanti le attività.

È qui che entra in azione lo smart working che in italiano significa “lavoro intelligente”. È una grande opportunità per le aziende e per i lavoratori adottare questo tipo di sistema. Le persone hanno molta più flessibilità e autonomia, possono scegliere dove e quando lavorare e che strumenti utilizzare. Allo stesso tempo aumenta la responsabilità da parte del dipendente che comunque dovrà portare a compimento i lavori assegnati e rispettare le scadenze dettate dal datore di lavoro.

Infojobs, la piattaforma per la ricerca del lavoro online, a marzo 2020 ha avviato una ricerca che interessa lo smart working. Ha analizzato 189 aziende e 1.149 candidati.

Dal loro studio è risultato che il 72% delle aziende sono state in grado di organizzarsi velocemente nel disporre i mezzi e gli strumenti ai loro dipendenti in modo tale da proseguire a lavorare da casa.
Il dato più interessante è che il 56% delle aziende non aveva ancora messo in atto lo smart working.
Sul 64,5% delle aziende, il 39% dichiara che la produttività è rimasta pressoché costante e il 25,5% ne ha un po risentito del cambiamento.

Per quanto riguarda le difficoltà, il 44% delle aziende ha riscontrato problemi di tipo organizzativo, in particolare non hanno i mezzi per procedere con la supervisione e controllo del lavoro dei dipendenti. Il 42% delle aziende ne risente la parte relazionale, il fatto di non potersi confrontare e lavorare in gruppo. Poi c’è il 14% delle aziende che hanno incontrato difficoltà dal punto di vista tecnologico, esattamente non disponevano di strumenti e personale interno specializzato per gestire l’emergenza.

Passiamo ora ai lavoratori. Infojobs, tra quelli analizzati, ha rilevato che il 79% di loro era la prima volta che praticavano lo smart working. Poi c’è il 14,5% che dichiara che sono solo cambiate le disposizioni e infine per il 6,5% dei lavoratori è invece rimasto tutto uguale, non hanno subito cambiamenti.

Poi le indagini hanno proseguito sul piano personale, chiedendo ai lavoratori come si sono trovati a lavorare in questo modo, impiegando lo smart working.
Il 38% si ritiene fortunato a lavorare a casa e di non essere costretto a uscire data l’emergenza
coronavirus.

Il 27% dei lavoratori gradisce il fatto di potere gestire il lavoro online mantenendo lo stesso ritmo. C’è però il 7% che trova difficoltà a gestire il lavoro, principalmente a causa degli impegni famigliari e di conseguenza è meno efficiente. C’è da prendere in considerazione che il 33% dei lavoratori che sono a casa sono donne con figli.

Questi dati ci aiutano a farci un’idea della condizione attuale delle aziende e dei lavoratori in Italia.
Tutto sommato il Paese ha risposto bene a questa emergenza. Nessuno poteva prevedere che da un momento a l’altro sarebbe scoppiata una pandemia e che ci saremmo trovati a vivere in quarantena.
Anche se purtroppo al momento una parte della popolazione italiana si trova senza lavoro da l’altra parte possiamo consolarci del fatto che si continua ancora a produrre. Grazie alla tecnologia di oggi è possibile adottare sistemi come lo smart working che hanno permesso in generale alle aziende di non arrestarsi totalmente.

Inoltre i lavoratori ci hanno guadagnato anche sotto l’aspetto della salute limitando al minimo le uscite per non correre il rischio di essere contagiati dal coronavirus.

Per leggere una guida per su come lavorare da casa e quali sono i lavori da effettuare online clicca qui.

Come fare trading online senza correre rischi

Molti di voi avranno sentito parlare del trading online, delle sue innumerevoli possibilità e della sua comodità in termini di esecuzione. In questo articolo vi forniremo tutte le indicazioni necessarie per poter iniziare in modo corretto e sicuro il trading online.

Volevo iniziare con un breve sunto parlandovi delle origini del trading, per capire meglio di cosa si tratti. Il trading online nacque in Italia nel 1999 quando ci fu il nuovo regolamento CONSOB di “attuazione del testo unico dei mercati finanziari”, grazie a questo regolamento il trading online poté divenire regolamentato e di conseguenza ebbe una grande espansione.

Il trading online grazie alla crescita smisurata di Internet e al potenziamento della rete, divenne velocemente uno strumento utilizzato in larga scala, ad oggi gli utenti del trading in Italia sono più del 50% della popolazione attiva.

Come funziona il trading online

Quando parliamo di trading online parliamo di contrazione sui mercati (CFD, Forex, Indici, Azioni ecc … ) finanziari tramite una piattaforma broker che ci permette di interagire su di essi con molteplici strumenti.

Per iniziare a fare trading online è necessario possedere un PC, una connessione Internet e iscriversi ad un broker Regolamentato.

Iniziamo spiegandovi come scegliere il broker di riferimento, nel web troverete molte pubblicità ingannevoli, da Youtube a Facebook sarete bombardati da annunci non sempre veritieri, dove questi personaggi vi proporranno facili guadagni o investimenti sproporzionati. Bene non cadete in queste truffe molto pericolose, invece dirigetevi verso broker regolamentati e sicuri.

Le caratteristiche del broker sicuro

Un broker per essere sicuro deve avere queste caratteristiche imprescindibili, di seguito ve le elencheremo in modo semplice e sintetico:

Scegliere sempre broker regolamentati

Quando parliamo di broker regolamentati, parliamo di broker che abbiano le certificazioni date dagli enti di tutela finanziaria, andiamo a vedere quali sono le più importanti

  • Consob: Questo istituto viglia sugli investitori sulle società e si occupa di tutelare gli utenti, la sua sede è a Roma;
  • CySEC: La CySEC è un organo indipendente che si occupa di regolamentare i broker europei;
  • FCA: Viglia sulle possibili negligenze dei broker.

Queste tre certificazioni vi tutelano da eventuali truffe finanziarie, a questo punto abbiamo già fatto una grande scrematura.

Altro fattore molto importante nella scelta del broker è l’affidabilità nei depositi e pagamenti, la possibilità di avere molti strumenti per fare le nostre contrattazioni, il tasso dello Spread.

Analizziamo meglio questi punti:

  • Spread e commissioni: Quando trovate un broker che abbia delle commissioni molto esose è meglio che passiate al prossimo, si perché le commissioni incidono molto sui vostri introiti. Alcuni dei broker più famosi non applica alcuna commissione, questo è molto vantaggioso specialmente se si è alle prime armi;
  • Piattaforma semplice: L’intuitività della piattaforma e il semplice utilizzo sono fattori molto importanti per avere una buona riuscita nel trading, inoltre è fondamentale fare attenzione alla sezione formazione di ogni broker. La formazione nel trading online è fondamentale per una buona riuscita;
  • Assistenza tecnica: Ogni broker mette a disposizione del trader l’assistenza tecnica, ci sono broker più attenti alle esigenze dei trader e altri no, scegliete il broker che vi dia maggiore assistenza.

Ora che abbiamo chiarito quali siano gli aspetti fondamentali nella scelta del broker, andiamo brevemente a fare una panoramica sugli strumenti di contrattazione.

Quale trading posso fare?

Ci sono molte tipologie di trading, trading Forex, trading CFD, Trading su azioni, Indici ecc. Per scegliere quale tipologia di trading ci rappresenti al meglio, dobbiamo capire prima su quale mercato vogliamo andarci a posizionare.

Ad esempio se io volessi fare trading sulle materie prime come Oro, Petrolio o Energie rinnovabili il miglior modo di fare trading sarebbe con i prodotti derivati CFD. Fare trading CFD è un ottimo modo di iniziare le proprie contrattazioni, i prodotti CFD si avvalgono della Leva finanziaria e non necessitano di un grande investimento iniziale.

Vi consigliamo di iniziare il trading online iscrivendovi al conto demo della piattaforma scelta, in modo da fare esperienza sui mercati e prendere confidenza con gli strumenti di trading online.

Apprendere il Trading online grazie al Conto demo Gratuito

Vista la continua crescita dell’interesse delle persone verso il Trading online, noi abbiamo pensato di parlarvi del Conto Demo.
In specifico abbiamo deciso di prendere in esame questo conto perché sono in molti purtroppo a lanciarsi nel trading online senza nessuna istruzione e il risultato è che puntualmente perdono tutti i propri soldi investiti.

Per fortuna ci sono altri utenti che invece decidono di aprire il conto demo prima di mettere a rischio i propri risparmi.

A mettere a disposizione gratuitamente gran parte dei loro servizi e strumenti come il conto demo solitamente sono i broker online professionali. Hanno delle intere sezioni dedicate alla formazione dell’utente. Ad esempio si possono trovare video lezioni, webinar, ebook e molto altro ancora.
Tutto questo sta a indicare che il broker ha cura dei propri clienti salvaguardandolo dai rischi del trading online offrendogli tutto il necessario per svolgere il trading in tutta sicurezza.

Attenzione non stiamo dicendo che in tal modo si è totalmente esenti dalle perdite. Il rischio c’è sempre e nel trading online si deve mettere in conto anche la possibilità di perdere. L’importante è imparare a gestire il rischio, prevedendolo e contenendolo. Si deve fare attenzione affinché le perdite non superino i guadagni.
Lo scopo è quello di riuscire a mantenere alti i guadagni e ridurre il più possibile le perdite di denaro.

Come avete visto il conto demo non è l’unico strumento utile per imparare a svolgere il trading online, ma sicuramente è uno dei più importanti.
Per trarre beneficio dal suo utilizzo è bene che lo si faccia nel modo giusto, accettandone anche i limiti. Ad esempio può essere di ostacolo dal punto di vista psicologico, ovvero non mettendo in gioco direttamente i propri soldi non si rafforza totalmente la parte emotiva.

Sicuramente per i trader principianti il demo di trading online è uno strumento fondamentale perché permette di investire in totale sicurezza.
Questo perché si opera su una piattaforma di trading di simulazione, dove si utilizzano soldi virtuali.
Quindi gli investimenti avvengono in tempo reale, è come se si investisse su una vera piattaforma, ma come abbiamo appena detto ci si avvale dei soldi virtuali.

Solitamente viene offerta la possibilità di aprirlo gratuitamente e di poterlo utilizzare per un periodo di tempo illimitato, ciò varia da broker a broker. C’è da aggiungere che per una vostra sicurezza dovete rivolgervi solo a broker online certificati e autorizzati perché solo in questo modo potete essere certi che i vostri dati e i vostri soldi siano protetti.

Inoltre il trader può decidere liberamente quanto mantenere attivo il conto demo. Alcuni broker danno la possibilità di tenere aperti contemporaneamente il conto reale e il conto demo. I trader hanno anche la possibilità di aprire più conti su diversi broker.

Infatti, oltre ad essere perfetto per i trader principianti, è utile anche ai trader professionisti che hanno bisogno di testare nuove piattaforme oppure che vogliono mettere in pratica un’ultima strategia di trading.

Se non esistesse il conto demo molti principianti si troverebbero in serie difficoltà perché ad esempio non avrebbero la possibilità di fare pratica senza correre rischi. Sicuramente andrebbero incontro a gravi perdite dei loro risparmi vista la loro inesperienza. Sarebbero costretti ad aprire direttamente il conto reale ed esercitarsi su quello.

Per fortuna invece ci sono broker professionali che pensano a l’utente offrendogli tutto il necessario per imparare a fare trading online. Le piattaforme di simulazione generalmente sono complete, permettono anche di usufruire di diversi strumenti di analisi tecnica e di analisi fondamentale. Per questo motivo noi vi consigliamo di utilizzare il conto demo dove potete esercitarvi tutto il tempo che vorrete e solo una volta che vi sentirete sicuri potrete passare al conto reale.

Si può guadagnare online con la propria musica?

Oggi per ascoltare musica non è più indispensabile pagare, basta un click sul vostro computer o accedere ad applicazioni specifiche con un semplice tap sullo schermo del cellulare. Ma allora dobbiamo pensare che il mercato della musica e nello specifico i musicisti siano finiti, in crisi e sul lastrico?

Questo proprio no, è certo però che per vendere il proprio sound è necessario essere al passo coi tempi e conoscere tutte le modalità di promozione dei propri brani musicali. La stessa creatività con cui fai musica va riproposta nello stile adatto a promuovere la tua musica.

Ci sono modalità, che vi indicheremo in questo articolo, con cui fare soldi online con la tua musica. Alcuni funzioneranno più degli altri ma potresti provarli e rimanerne sorpresi. Certo è che, per riuscire a realizzare il proprio sogno, rischi se ne devono correre.

Distribuire la propria musica senza un’etichetta

La distribuzione digitale dei brani musicali ha dato l’occasione ai musicisti e agli artisti di poter distribuire la propria musica anche se non si è un possesso di un’etichetta o casa discografica. Se ci si muove senza un’organizzazione o un team di produzione il problema di finanziare la produzione e dividersi le royalties non sussiste. Far girare la tua musica su Spotify, Apple Music, Google play, ITunes e svariate altre piattaforme ti offre l’occasione di far ascoltare la tua originale musica ai fans in qualunque momento della giornata e soprattutto su qualsiasi piattaforma.

Le royalties non saranno numerose da subito ma questo metodo ti consentirà di acquisire un canale importante con cui promuovere costantemente le tue creazioni musicali e far crescere il tuo fanclub ulteriormente.
Le piattaforme di distribuzione o meglio di streaming, aiutano l’utente alla scelta del brano o autore sconosciuto consigliando sempre nuove proposte musicale che aiutino ad apprezzare i nuovi artisti. Questi utenti potrebbero essere i tuoi potenziali fans, che ti seguiranno ai concerti, compreranno album e gadget e ascolteranno la tua musica in streaming. Tutti gli sforzi fatti per promuovere i tuoi brani musicali non andranno perduti ogni volta che qualcuno si sintonizzerà sulla sua piattaforma per ascoltare la tua musica.

Trova il giusto canale di promozione della tua musica.

Condividi online e con stile la tua musica gratis

Vendere un album non è sufficiente poiché oggi, lo streaming ha profondamente cambiato il modo di vendere musica, questo perché le persone vogliono avere la musica preferita a portata di mano.
Si è costantemente alla ricerca di nuove tendenze musicali e per farsi conoscere è indispensabile vendere o condividere il proprio album con tutti in maniera originale e creativo. Quello che si sta vendendo è un’esperienza, un’emozione e non una cosa.

Fiverr

È uno dei siti in crescita rapida dove i musicisti hanno l’occasione di vendere i loro brani. Si tratta di una comunità online in cui a partire da 5 euro si possono vendere i propri servizi, come brani musicali o professionalità legate alla musica. La comunità di artisti su Fiverr è grande ormai ma non è nemmeno così complicato farsi notare.

Crea un ID su Youtube

Servizio numero uno di streaming Youtube è ottimale per distribuire la propria musica su internet. Super di gran lunga ITunes, Spotify e Tidal. Se la musica che carichi sulla piattaforma viene visualizzate in cambio dovresti ricevere del denaro. Il suo sistema è detto Content ID e monitora perfettamente chi e quando, ha ascoltato la tua musica. Se trova tra le infinite soluzioni musicali, i tuoi brani e sei il proprietario del copyright puoi scegliere di guadagnare dalle visualizzazioni successive con l’inserimento di annunci pubblicitari prima dell’inizio del tuo video musicale. È il tuo agente di booking virtuale.

Il SEO è la base per il tuo investimento online

Con la sigla SEO (Search Engine Optimization) si fa riferimento ad una serie di azioni fatte sul proprio sito web per ottenere una visibilità alta da parte dei motori di ricerca. In parole povere si cerca di conquistare un posizionamento, il migliore possibile, nei risultati finali di una ricerca su internet effettuata da un utente, con conseguente aumento del giro di visualizzazioni sul nostro sito.

Voci di corridoio degli ultimi mesi dicono che la SEO non stia dando più segni di vita, ma non è affatto così, ha semplicemente fatto progressi e con lei tutte le aziende che hanno deciso di investire in una struttura web mirata per i motori di ricerca, con conseguente ritorno economico per loro in termini di visibilità e di entrate economiche.

Le ragioni per le quali è importante investire nella SEO

Come dicevamo la SEO è in continua evoluzione e trasformazione, più che mai attiva, ancora come agli inizi. Le tecniche usate ad oggi per l’ottimizzazione di un sito web sono pienamente funzionanti, con risultati finali riscontrabili. Nonostante ci sia un continuo cambiamento negli algoritmi di ricerca, che complica quotidianamente le attività di SEO, gli effetti benefici sono reali.
Sarà funzionante per molto tempo ancora questo perché, nonostante gli algoritmi di ricerca si siano evoluti, le tecniche di ottimizzazione gli stanno tenendo testa. Oggi, per esempio, si è in grado di effettuare ricerche di media, come video e audio, ai quali si possono applicare le svariate tecniche di ottimizzazione SEO.
Inoltre è fattibile in termini di prezzi, ci sono infatti investimenti più costosi per farsi conoscere nel web. Un esempio è l’acquisto di banner pubblicitari, o l’uso di social media marketing e l’e-mail marketing. Le attività di SEO a differenza degli esempi riportati hanno un ritorno di investimento, detto ROI, non indifferente. Un’ottimizzazione SEO fatta a regola d’arte deve essere la base della propria strategia di marketing online, garantendo sicuramente risultati duraturi nel tempo, con un solo investimento iniziale.

I motori di ricerca fanno circolare il mercato

Prima di un acquisto online, le persone si documentano sui prezzi, le caratteristiche e le diverse soluzioni offerte da un prodotto. Se ci si vuole far trovare nel web è basilare apparire nella prima pagina di Google per essere concorrenziali, diversamente si lascia il campo libero ai propri concorrenti.
Una soluzione in aggiunta è quella di sviluppare un sito responsive perché, è un dato di fatto, negli ultimi anni le ricerche nel web sono state fatte maggiormente dagli smartphone e non da un pc. Un sito responsive vuol dire che il sito è ottimizzato per la visualizzazione dai cellulari e dai tablet e Google ne terrà conto non penalizzandolo nelle ricerche online.
Da un cellulare o tablet è più facile geolocalizzare una ricerca e se la tua attività è nei pressi dell’utente che necessita di un tuo sevizio/prodotto sarà più facile apparire nella prima pagina dei risultati della sua ricerca. C’è una forte concorrenza nel web e la SEO, che ha sconfinate possibilità di azione, è facilmente adattabile al cambiamento di tutti gli algoritmi che entrano in funzione durante il posizionamento di un sito web nella prima pagina di Google. Chi non riesce a stare al passo coi tempi con una giusta strategia di marketing online rischia sicuramente di essere tagliato fuori dal mercato.

Bisogna rimanere aggiornati e fare passi in più rispetto alla concorrenza. Infatti un sito che ha conquistato in anni una posizione ottima nella prima pagina di Google, non è detto che rimanga in quella posizione di leadership se non si mantiene aggiornato sui continui cambiamenti delle ottimizzazioni SEO.

Investire nella SEO rimane l’operazione più intelligente e proficua da fare se si vuole conquistare la vetta nella prima pagina di Google, è la chiave fondamentale su cui fondare le basi delle conseguenti strategie di marketing per investire online.

Se hai deciso, grazie a quest’articolo, di fare un investimento nella SEO, puoi contattare un’agenzia web specializzate nel posizionamento SEO, ovviamente tra quelle che usciranno nella prima pagina di Google!!!

Vediamo come investire con i droni il trend del momento!

Nell’articolo di oggi vogliamo di parlare di quanto sia conveniente al giorno d’oggi investire con i droni.

Questa tecnologia continua ad attirare ancora la nostra attenzione e soprattutto quella di investitori e commercianti. Così abbiamo deciso di dedicare un intero articolo ai migliori modi per investire con i droni e soprattutto su cosa devi sapere prima di iniziare ad investire.

Qui troverete un elenco di alcuni titoli di droni diventati molto popolari fra gli investitori e potrete farvi un’idea di acquisto e vendita su alcuni titoli, in base al loro andamento in borsa vi daremo delle delucidazioni.

Prima di decidere di investire nei droni sarà necessario capire se conviene di più investire in aziende che si occupano delle produzione dei droni, anche per quanto riguarda hardware e software oppure investire nelle aziende che potrebbero ottenere dei miglioramenti netti incorporando a se stessi la tecnologia dei droni.

Il nostro consiglio è seguire queste 5 aziende:

  1. Amazon (Simbolo del titolo azionario: AMZN);
  2. AeroVironment Inc (Simbolo del titolo azionario: AVAV);
  3. Sony Corp ADR (Simbolo del titolo azionario: SNE);
  4. Microsoft Corp (Simbolo del titolo azionario: MSFT);
  5. NVDIA (Simbolo del titolo azionario: NVDA).

Cosa devi sapere per iniziare ad investire nei droni?

Il mercato dei droni entro il 2025 raggiungerà sicuramente i 25 miliardi di dollari.

Nel Regno Unito si pensata che al 2030 saranno presente un totale di 76.000 droni.

Non vi sembrano dati molto interessanti?

L’industria che riguarda la produzione e la commercializzazione dei droni continua a fare passi da gigante e sono molte le imprese e i servizi che si stanno preparando a questi eventi molto importanti.

Ad esempio sono anni che i militari e gli organi di vigilanza come la polizia utilizzando i droni e pian piano sono arrivati anche a noi, al mero uso civile di questi dispositivi.

L’applicazione dei droni oramai è utile quasi in ogni campo, ad oggi vengono utilizzati per attività umanitarie, commerciali e scientifiche.

Ma sono molti che comprano un drone per divertirsi, sono quindi molto apprezzati per attività ricreative.

Purtroppo la stampa non è mai stata dalla parte dei droni, infatti per quanto riguarda la salute e la sicurezza ci sono sempre stati molti dubbi.

Se pensate al Natale 2018, alcuni droni sono stati visti volare a Gatwick, questo ha comportato dei ritardi sui voli e altre conseguenze che non stiamo qui a specificarvi.

Ciò che percepisce il pubblico in merito ai droni è essenziale, il potenziale c’è e una volta che le regolamentazioni saranno chiare sarà sicuramente un mercato che continuerà ad esplodere e a contribuire nella crescita di questo grande settore.

Per scoprire quali sono i modelli e le marche più vendute online visita il sito web www.dronionline.net.

Due modi per investire nei droni

Esistono due modi al momento per investire nei droni, comprare delle azioni di compagnie che li producono oppure fare trading sui titoli azionari sempre delle medesime compagnie.

La decisione del miglior percorso da intraprendere non è semplice perché comunque entrambi richiedono un investimento, ma con certezza possiamo dirvi che il trading è sicuramente meno dispendioso sia in termini di tempo che denaro.

Come comprare le azioni di droni

Se decidiamo di ragionare a lungo termine e abbiamo un grande budget da investire la soluzione migliore è comprare le azioni ovviamente.

Praticamente ci si reca e banca e si decide di iniziare un investimento in titoli azioni delle società associate ai droni.

Ovviamente qui si ragiona con un’ottica a lungo termine come già vi abbiamo detto, sperando che i droni nel tempo trovino sempre più sbocchi.

In questo modo potrai ricevere le azioni fisiche della società e varai tutti i diritti degli azionisti, compresi i dividendi.

Come investire nel trading con i Droni

L’alternativa più economica è investire nelle azioni utilizzando il trading online.

In questo modo dovrete servirvi semplicemente di un computer, una buona connessione e una piattaforma web per avviare gli investimenti.

Quando si decide di investire in questo modo si opta per il breve termine, perché le posizioni che aprirete avranno una lunghezza breve.

Solitamente chi investire nel trading sceglie dei momenti specifici in cui le azioni si muovono molto ed investe.

In base al calendario economico e alle notizie le aziende dei droni si muoveranno.

Se gli investitori decidono di comprare le azioni sulla piattaforma si alzeranno, mentre se gli investitori decidono d vendere le azioni si abbasseranno.

Questo è sicuramente il modo per investire con i droni alla portata di qualsiasi investitore.

Investire online, Anziani vs Giovani!

Quali sono i metodi più utilizzati fra i giovani e gli anziani per guadagnare online? L’articolo di oggi approfondirà proprio questo argomento.

Oramai le opportunità di lavoro sul web sono davvero tante, infatti sono in molti a cimentarsi in questa tipologia d’investimento.

Lavorare sul web ormai è diventato semplice.

In Italia almeno il 51% della popolazione ha provato a cercare su Google se esistono modi per iniziare a guadagnare online da casa.

Questo è un dato che nei prossimi anni sarà in aumento, in media del 4% anno, se non di più.

Siamo una popolazione che offre molte opportunità di business da casa e non stiamo parlando solo di giovani, anche gli over 50 iniziano a muoversi in questo ambiente.

Bisogna sempre tener conto delle esigenze del mercato quando si decide di investire online.

La tipologia di persone che compie queste ricerche, abbraccia un range di età che va dai 18 anni fino ad arrivare ai 60 inoltrati.

Vivere da casa da soli, con un coniuge o con la propria famiglia poco importa, iniziare ad investire online è sempre fattibile, in qualsiasi luogo vi trovate.

Adesso, secondo una statistica su 100 pensionati 90 desiderano continuare una vita lavorativa da casa, perché avendo lavorato una vita faticano a vedere le loro giornate vuote.

La scelta ricade sui lavori da casa per un semplice motivo.

La motivazione principale è che viene impiegata poca energia da spendere. Poi se ci pensate la percentuale di disabilità degli over 60 è molto più alta, per cui anche chi è limitato a livello motorio, ma essendo mentalmente molto attivo, avrà la possibilità di mettere a frutto le proprie conoscenze.

Dato che una disabilità non può e non deve essere una discriminazione, è bello per loro sentirsi ancora vivi ed avere una nuova rinascita con una opportunità di business.

I giovani invece decidono di dedicarsi al lavoro da casa per iniziare a guadagnare i primi soldi, magari da spendere in vacanze o per comprare l’ultimo paio di scarpe del momento.

Come vedete seppur in modo diverso, l’intento è sempre lo stesso, iniziare a guadagnare online.

Le opportunità di lavoro online

Il web mostra davvero tantissime opportunità per trarre guadagno online.

Molto spesso si sceglie la possibilità di guadagnare con le affiliazioni perché è molto remunerativa rispetto alle altre.

Funziona in modo molto semplice per cui oggi vogliamo fornirvi un esempio.

Per iniziare a guadagnare con le affiliazioni sarà necessario prendere degli accordi con una determinata azienda e vendere un prodotto per loro conto.

Ci spieghiamo meglio.

Esistono molti siti web, come Amazon stesso, che vendono migliaia di prodotti.

Quale sarà il vostro compito?

Ognuno di questi siti mette a disposizione un pannello di controllo per gli affiliati, voi dovrete registrarvi e iscrivervi.

Dopodiché riceverete un link di affiliazione da parte di Amazon (Vedi anche un altro metodo per investire su Amazon)

Inserendo questo link all’interno di un sito web o semplicemente girandolo ai vostri amici avrete l’opportunità di guadagnare una percentuale dagli acquisti effettuati dai vostri amici.

Questa attività può essere avviata sia da giovani che da anziani.

Un’altra alternativa per guadagnare del denaro sono le ricerche bibliografiche. Questo è un lavoro molto popolare tra gli anziani e le persone meno giovani. Può essere eseguito anche da persone con problemi di mobilità dato che le biblioteche sono attrezzate anche per loro. Ed è possibile farlo o lavorando in una biblioteca o semplicemente compiendo delle ricerche da casa.

Otterrete una percentuale in base al numero di ricerche utili effettuate.

Oggi gli anziani sono tecnologici e molti di loro, la maggior parte del loro tempo, lo impiegano sui social o facendo ricerche nel web. Per cui sfruttare questa abilità per creare un lavoro redditizio online non è affatto da sottovalutare.

Anche questa attività può essere avviata sia da giovani che da anziani, ma questi ultimi sono più propensi e adatti a questo tipo di lavoro.

Un’attività che invece è diffusa fra i più giovani è la sponsorizzazione di prodotti sui social network, attraverso foto che espongono i brand delle aziende.

Ad esempio, sono molti i fit blogger, fashion blogger e food blogger che si cimentano in questo tipologia di investimento online.

Questa attività può essere avviata sia da giovani che da anziani, ma sono i giovani a prediligere questa tipologia perché solitamente per farlo si utilizza Instagram.

Quest’ultimo al momento è il social network più utilizzato al momento e raccoglie milioni di iscritti.

Moltissimi però ci teniamo ad aggiungere sia giovani che anziani hanno scelto come forma di investimento online il famoso Trading online.